“La ragazza più pelosa del mondo” si rade dopo il matrimonio.

A soli 10 anni, la thailandese Supatra Sasuphan ha già ricevuto l'attenzione del Guinness dei primati come "la ragazza più pelosa del mondo". Lo studentessa di Bangkok soffre della rarissima sindrome di Ambras, chiamata anche "sindrome del lupo mannaro".  Essa provoca la crescita eccessiva di peli su tutto il corpo. In particolare, chi ne soffre ha lunghi capelli che coprono il viso, che si infittiscono con il passare del tempo. Dal Medioevo sono stati documentati solo 50 casi. E nel passato chi ne era affetto, veniva usato come attrazione nelle fiere di paese. La stessa Supatra è abituata agli sguardi dei curiosi. 

"Faccia da scimmia" e "Chewbecca" sono i nomi con cui i suoi compagni di scuola l'hanno sempre chiamata. Anche se la sua presenza nel Libro del Guinness dei primati nel 2010 l'ha resa molto popolare. "Essere pelosa mi rende speciale", dichiarava allora la ragazza che aveva appena 10 anni. "Mi sono abituata a convivere con la malattia. Anche se a volte è difficile vedere quando i capelli sono troppo lunghi".

Sua madre, nel tempo, le ha tagliato spesso i peli del viso, per darle una visione migliore. Hanno anche provato una terapia laser ma, in seguito, i capelli sono risultati crescere ancora più fitti. Anche le foto che ritraggono la quasi 18enne sono incredibili. 

Imgur/trakla

Ma, nelle sue ultime foto pubblicate su Facebook, la giovane donna è ritratta con una faccia insolitamente glabra! Supatra si è depilata per amore: il suo nome è Nat e adesso è diventato suo marito. Il ragazzo voleva vedere il volta della ragazza, almeno per una volta.

Tuttavia, la donna thailandese ci tiene a precisare: "Mi desidera per come sono. E per amore gli ho mostrato la mia faccia senza i capelli. Ma gli piaccio, come Dio mi ha creato. Grazie, Nat. Tu non sei solo il mio migliore amico, tu sei l'amore della mia vita".

Che bella storia d'amore quella tra i due, ma anche che tenacia questa ragazza. Non ha mai pensato di combattere la sua malattia, ma ha lottato per accettarla e conviverci serenamente. Bravissima!

Fonte:

Unilad, Express

Commenti

Scelti per voi