2 fratelli si scrivono messaggi commoventi durante l’attacco.

Il 14 febbraio 2018, Nikolas Cruz è entrato nella sua ex scuola di Parkland, in Florida, e ha sparato su studenti, professori e personale dell'istituto superiore. La furia del diciannovenne ha ucciso 17 persone e ne ha ferite alcune decine.  L'orrore vissuto da chi era presente non è spiegabile a parole. 

Tra gli studenti, due fratelli, che durante gli attimi di terrore si scrivevano per cercare di farsi forza a vicenda. Il loro scambio è stato pubblicato online e non può non lasciare chi legge attonito:

"Sam: Stai bene?

Matthew: Per fortuna. Ma intanto te lo scrivo, ti voglio bene.

Sam: Anche io te ne voglio.

Matthew: Per sempre. Sei il fratello migliore del mondo.

Sam: Ne usciremo. Te lo prometto.

Matthew: Sam?

Sam: Sì?

Matthew: La polizia è lì? Il mio prof è morto.

Sam: Sì.

Matthew: E lui è sulla porta.

Sam: Non lo so.

Matthew: Sono al secondo piano. Pensi che io sia al sicuro?

Sam: Non ti muovere! NON TI MUOVERE!

Sam: Capito?

Sam: Per favore rispondimi!

Matthew: Va bene. Stai bene?

Sam: Sì. Rimani nascosto.

Matthew: Va bene. Come stai fratello?

Sam: Bene. Tu?

Matthew: Sì, lui è.... 

Sam: Matthew, io sono fuori dall'edificio. Tu hai incontrato qualche poliziotto?".

Sam ha pubblicato la conversazione con il fratello accompagnata da questo commento:

"La cosa peggiore era sapere che il mio fratellino era un piano sopra di me, ma non ero sicuro che l'avrei rivisto. Non l'ho mai trattato come merita. Per fortuna è finita. Vedere la sua faccia fuori da scuola è stato il sollievo più grande che abbia mai provato. Prego per tutti".

Una conversazione da brividi. Questi ragazzi, ancora così giovani, si sono trovati ad affrontare una vera e propria tragedia. Hanno visto morire sotto i loro occhi persone che conoscevano e a cui volevano bene. Speriamo un giorno possano dimenticare tutto questo orrore.

Commenti

Scelti per voi